La legge elettorale e le proporzioni!

Il premio di maggioranza che si vuole dare alla coalizione vincente sarebbe del 30% a chi raggiunge circa il 40% dei consensi. Cioè avrebbe il 70% del parlamento! Una legge che garantirebbe a chi prende il 40% dei voti di governare, nemmeno il 50% ma solo il 40%. Perché questo? Perché la sinistra senza UDC difficilmente arriverebbe al 50% dei voti, sopratutto visto che il Movimento 5 Stelle prenderà il 20% dei seggi. Insomma il PD vuole governare il paese, con qualche alleato, ma sopratutto come gli pare. Abbiamo già passato un Porcellum  ed ecco che se ne presenta un altro: non più un governo che deve scendere a compromessi tra tutte le parti e prendere le scelte più condivise (democrazia), ma un governo che prende delle decisione che devono andare bene a tutti. Mi ricorda i tempi dei banchi di scuola, in special modo la presa di potere da parte del Fascimo.

La Legge Acerbo, cioè la legge elettorale di Mussolini, prevedeva l'adozione di un sistema proporzionale con premio di maggioranza, all'interno di un collegio unico nazionale suddiviso in 16 circoscrizioni elettorali. A livello circoscrizionale ogni lista poteva presentare un numero di candidati che oscillava da un minimo di 3 a un massimo dei due terzi di quelli eleggibili (non più di 356 su 535, quindi); oltre al voto di lista era ammesso il voto di preferenza. Il risultato nel collegio unico era decisivo per determinare il modo di distribuzione dei seggi: nel caso in cui la lista più votata a livello nazionale avesse superato il 25% dei voti validi, avrebbe automaticamente ottenuto i 2/3 dei seggi della Camera dei Deputati, eleggendo in blocco tutti i suoi candidati; in questo caso tutte le altre liste si sarebbero divise il restante terzo dei seggi, sulla base di criteri simili a quelli dellalegge elettorale del 1919. Ai principi di quest'ultima ci si richiamava anche in un altro caso, per l'attribuzione di tutti i seggi, se nessuna delle liste concorrenti avesse superato il 25% dei voti.

Certo cambia, non è la legge di Mussolini, ma sicuramente è una legge molto che darà un premio eccessivo! Se il PD vuole governare che si prenda i voti di tutti gli italiani, se no rispetti le idee di tutti. Bersani andrà a Stella per chiudere la campagna elettorale, nel Paese di Pertini. Probabilmente si sta girando nella tomba! Vi regalo questa vecchia intervista fatta al Presidente più amato dagli italiani:


Nessun commento:

Posta un commento

Ti ringrazio per ogni commento, appunto, modifica o richiesta di chiarimento. Mantenendo sempre un tono civile. Ogni commento che non rispetta tali regole, sarà eliminato, sopratutto se fatto in maniera anonima. TI ricordo che cerchiamo nuovi collaboratori o appunti, per implementare il materiale presente sul sito.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...