Vitruvio - De Architectura - Libro VI

Introduzione


1. Aristippus, il filosofo socratico, naufragato sulla costa di Rodi, percepii alcuni schemi di esso, è segnalato per aver esclamato ai suoi compagni: "Sii di buon animo, vedo segni di civiltà:" e immediatamente fare per la città di Rodi , è arrivato presso la palestra; dove, contestando su argomenti filosofici, ottenne tali onori, che non ha fornito solo per se stesso, ma arredata vestiti e cibo ai compagni. Quando i suoi compagni avevano completato i loro accordi per tornare a casa, e ha chiesto quale messaggio voleva trasmettere ai suoi amici, egli desiderava che dire: che i beni e le prestazioni da effettuare per i bambini dovrebbero essere quelle che possono essere conservati in caso di naufragio ;

2. nella misura in cui queste cose sono i veri sostegni della vita che le probabilità di fortuna, i cambiamenti di affaires pubblici, e la devastazione della guerra, non possono ferire. Così, anche, Teofrasto, seguito il sentimento che l'ha imparato dovrebbe essere più onorato dei ricchi, dice: "che l'uomo imparato è l'unica persona che non è uno straniero in paesi stranieri, e non senza amici quando ha perso le sue relazioni ; ma che in ogni stato che è cittadino, e che può guardare in caso di cambiamento di fortuna senza paura. Ma chi si crede assicurato con l'aiuto della ricchezza, e non di apprendimento, calpesta terreno scivoloso, e lead e la vita instabile e insicura. "

3. Epicuro dice anche, che la fortuna è di poco aiuto al saggio, dal momento che tutto ciò che è di conseguenza o necessari possono essere ottenuti con l'esercizio della mente e della comprensione. I poeti, non meno che i filosofi, hanno sostenuto in questo modo; e coloro che in passato ha scritto le commedie greche consegnati gli stessi sentimenti in versi; come Euchrates, Chionide, Aristofane, e, soprattutto, Alexis, che ha detto, che gli Ateniesi meritato particolare encomio, in quanto, nella misura in cui le leggi di tutti i greci rendono imperativo sui bambini per sostenere i loro genitori, quelli degli ateniesi sono solo obbligatori su quei bambini che sono stati istruiti, dalla cura dei loro genitori, in qualche arte. Come ad esempio possiedono i doni della fortuna sono facilmente privi di loro: ma quando si impara una volta è fissata nella mente, non l'età rimuove, né è la sua stabilità colpiti durante tutto il corso della vita.

4. Pertanto sento sotto obblighi infiniti, e sono grato ai miei genitori, che, adottando la pratica degli Ateniesi, si prese cura che dovrebbe essere insegnato un'arte e uno di natura tale da non poter essere praticato senza l'apprendimento e una conoscenza generale delle scienze. Dal momento che, allora, per la cura dei miei genitori, e per l'istruzione dei maestri, ho avuto i mezzi mi offrivano di acquisizione della conoscenza, ed era naturalmente felice con soggetti letterari e filosofici, mi cui quei negozi nella mia mente, l'uso di che mi piace il vantaggio di non volere di più, e il valore della ricchezza consiste nel non avere niente da desiderare. Ma qualche pensiero, forse, leggermente di queste cose, si supponga che solo quelli sono saggi che hanno un sacco di soldi. Quindi, può, che mira a questo solo fine, hanno, con l'aiuto della loro garanzia, acquisito notorietà dalle loro ricchezze.

5. Ma io, Cesare, non hanno cercato di accumulare ricchezza attraverso la pratica della mia arte, essendo stato piuttosto contento con una piccola fortuna e reputazione, che desiderosi di abbondanza accompagnati da una mancanza di reputazione. E 'vero che ho acquisito, ma poco; ma spero ancora, da questa pubblicazione, a farsi conoscere ai posteri. Né è meraviglioso che sono conosciuto, ma a pochi. Altri architetti conquistano altri, e vanno in giro sollecitare l'occupazione, ma i miei precettori instillato in me un senso di la proprietà di essere richiesto, e non di richiesta, da affidare, in quanto l'uomo ingenuo si arrossire e provare vergogna nel chiedere un favore; per i donatori di un favore e non i riceventi, sono corteggiata. Ciò che deve essere indagata che è sollecitato da un altro a cui affidare la spesa del suo denaro, ma che è fatto per amore di guadagno e emolumento.

6. Di qui Antients affidato le loro opere a quegli architetti solo che erano di buona famiglia e ben cresciuti; pensando che meglio fidarsi modesta, che il coraggioso e arrogante, l'uomo. Questi artisti istruiti solo i propri figli o parenti, tenuto conto della loro integrità, in modo che la proprietà potrebbe essere impegnata in modo sicuro per la loro carica. Quando, dunque, vedo questa nobile scienza nelle mani del ignoranti e imperizia, di uomini non solo ignoranti di architettura, ma di ogni cosa relativa ai fabbricati, non posso biasimare proprietari, che, basandosi sulla propria intelligenza, sono loro architetti; dal momento che, se il business è quello di essere condotto dalla imperizia, vi è almeno più soddisfazione nel gettare i soldi a proprio piacere, piuttosto che a quella di un'altra persona.

7. Nessuno pensa di praticare a casa ogni arte (come quella di un calzolaio od integrale, per esempio, o altri ancora più facile), tranne che di un architetto; e che perché molti che professano l'arte non sono molto bravo in essa, ma sono falsamente chiamati architetti. Queste cose mi hanno indotto a comporre un trattato di architettura e dei suoi principi, sotto l'idea che sarebbe stato accettabile per tutte le persone. Come nel quinto libro ho trattato per la costruzione di opere pubbliche, io in questo spiegare la disposizione e la simmetria di edifici privati.

Capitolo 1


1. Questi sono correttamente progettati, quando sia rispettato per il paese e il clima in cui sono erette. Per il metodo di costruzione che è adatto a Egitto sarebbe molto improprio in Spagna, e che in uso in Pontus sarebbe assurdo a Roma: così in altre parti del mondo uno stile adatto ad un clima, sarebbe molto idoneo a un altro: per una parte del mondo è sotto il corso del sole, un altro è distante da esso, e un altro, tra i due, è temperato. Poiché, quindi, dalla posizione del cielo in rispetto della terra, dall'inclinazione dello zodiaco e dal corso del sole, terra varia in temperatura in diverse parti, per cui la forma di edifici deve essere variata in funzione della temperatura di il luogo, e i vari aspetti dei cieli.

2. Nel nord, edifici dovrebbero essere arcuate, racchiuso il più possibile, e non esposto, e sembra corretto che devono affrontare gli aspetti più caldi. Quelli sotto il corso del sole nei paesi del Sud dove il caldo è opprimente, dovrebbe essere esposto e rivolto verso nord e ad est. Così il pregiudizio che la natura avrebbe effetto, viene eluso attraverso l'arte. Quindi, in altre parti, tenuto debitamente conto, deve essere effettuato, tenuto conto della loro posizione, rispetto dei cieli.

3. Questo, tuttavia, è determinato considerando la natura del luogo e le osservazioni fatte sugli arti e corpi degli abitanti. Per cui il sole agisce con calore moderato, mantiene il corpo ad un calore temperato, dove è calda dalla vicinanza del sole, tutta l'umidità è seccata: infine, in paesi freddi che sono distanti da sud, l'umidità è Non estratto dal calore, ma l'aria rugiada, insinuandosi sua umidità nel sistema, aumenta la dimensione del corpo, e rende la voce più grave. Questo è il motivo per cui la gente del nord sono così grandi di statura, così leggero di carnagione, e hanno i capelli rossi dritti, gli occhi azzurri, e sono piene di sangue, perché sono così formate per l'abbondanza di umidità, e la freddezza del loro paese.

4. Coloro che vivono vicino all'equatore, e sono esattamente sotto il corso del sole, sono, per la sua potenza, bassa di statura, di carnagione scura, con i capelli ricci, occhi neri, gambe deboli, carente in quantità di sangue. E questa carenza di sangue li rende timidi quando si oppose in battaglia, ma portano un eccessivo calore e febbre senza paura, perché le loro membra si nutrono di calore. Quelli, invece, nata nei paesi nordici sono timidi e deboli quando viene attaccato dalla febbre, ma dalla loro abitudine sanguigno del corpo più coraggiosi in battaglia.

5. Il tono della voce è varia e di qualità diverse in diverse nazioni. Per i confini orientali e occidentali intorno al livello della terra, dove la tomaia è divisa dalla parte sotto del mondo, e la terra sembra essere equilibrato per natura, sono indicati con un cerchio che i matematici chiamano l'orizzonte; mantenendo questa circostanza in mente, dal bordo all'estremità nord, lascia una linea trarre a quella sopra dell'asse sud, e da esso un'altra in direzione obliqua fino al polo vicino alle stelle settentrionali, e noi percepire immediatamente il principio di lo strumento triangolare chiamata dai Greci sambuvkh.

6. Così le persone che vivono nella regione vicino al punto più basso, che si trova nella parte meridionale verso l'equatore, dalla piccola elevazione del palo hanno voci stridule tonica e alti simili a quelli sullo strumento vicino l'angolo; Seguono quelli il cui tono di voce è di tono più basso, come ad esempio le persone nelle zone centrali della Grecia. Così, procedendo per gradi dal centro verso l'estremità settentrionale, la voce degli abitanti gradualmente diventa di passo inferiore. Qui si può percepire come il sistema del mondo è armonicamente disposto, dalla obliquità zodiacale dalla temperatura appropriata del sole.

7. Quindi coloro che sono nel mezzo, tra l'equatore e il polo, sono dotati di un passo centrale di voce, simile ai toni nella parte centrale del diagramma musicale. Avanzando verso le nazioni settentrionali, dove il polo è più elevata, le persone, provenienti da un aumento della quantità di umidità, possiedono naturalmente voci inferiore tonica, simili al hypate e le proslambanomenos. E, infine, quelle nazioni che si estendono dalle regioni centrali verso sud hanno voci stridule e acute simili ai toni di paranetè e Nete.

8. Che il tono della voce è resa più profonda dalla natura umida di un luogo, e più alto per il suo essere di natura calda, possono essere provati con il seguente esperimento. Lasciare due vasi essere selezionati, entrambi ugualmente cotto in un forno, di peso uguale, e diventare lo stesso tono, e uno di essi essere immerse in acqua e poi estratte: lasciare entrambi essere poi colpito, e una grande differenza sarà percepito in toni esse ricavati, nonché una disuguaglianza nel loro peso. Così è con il corpo umano; per tutti gli uomini, anche se sono nati con lo stesso modulo, e sotto lo stesso cielo, ma un po 'dal calore del clima sono stridula nella voce, e altri da una sovrabbondanza di umidità hanno un tono di voce basso.

9. Così del resto, dalla limpidezza dell'atmosfera, aiutato anche dal caldo intenso, i paesi del sud sono più pronti e veloci a espedienti: ma le nazioni del nord, oppresse da un'atmosfera lordo, e raffreddato dalla umidità dell'aria, sono di più noioso dell'intelletto. Che questo è così, può essere provato dalla natura dei serpenti, che nella stagione calda, quando il freddo è dissipato dal calore, si muovono con grande attività, ma nelle stagioni piovose e l'inverno, dalla freddezza della aria, diventare torpida. Quindi non è sorprendente che l'intelletto dell'uomo deve essere affilato dal calore e attenuato da un ambiente freddo.

10. Anche se, tuttavia, i paesi del Sud sono pronti a comprendere, e sagace in consiglio, ma in fatto di valore sono inferiori, per il sole assorbe i loro spiriti animali. Quelli, invece, che sono nativi di climi freddi sono più coraggiosi in guerra, e senza paura attaccano i loro nemici, però, correre avanti senza considerazione o giudizio, i loro attacchi sono respinti e dei loro disegni frustrato. Dal momento che, allora, la natura stessa ha fornito in tutto il mondo, che tutte le nazioni devono differire in base alla variazione del clima, che è stato anche contento che nel bel mezzo della terra, e di tutte le nazioni, il popolo romano deve essere seduto;

11. Per questo la gente d'Italia eccellono in entrambe le qualità, la forza del corpo e vigore della mente. Infatti, come il pianeta Giove si muove attraverso una regione temperata tra il focoso Marte e ghiacciata di Saturno, così l'Italia gode di un clima temperato e senza pari tra il nord da una parte, e il sud, dall'altro. Quindi è, che con uno stratagemma si è in grado di reprimere gli attacchi dei barbari, e con la sua forza per superare la sottigliezza delle nazioni del sud. La provvidenza divina ha così ordinato che la metropoli del popolo romano si trova in un ottimo clima e temperato, per cui sono diventati i padroni del mondo.



12. Poiché, allora, è il clima che provoca la varietà in diversi paesi, e le disposizioni degli abitanti, la loro statura e le qualità sono naturalmente dissimile, non vi può essere alcun dubbio che la disposizione degli edifici dovrebbe essere adatto alle qualità della nazioni e popoli, come la natura stessa con saggezza e indica chiaramente. Al meglio della mia forza ho fatto osservazioni generali sulle proprietà di luoghi come dipendente sulla natura, e ho dato spiegazioni per adeguare gli edifici ai bisogni di diverse nazioni in base al corso del sole e l'inclinazione del palo. Passo ora, quindi, spiegare brevemente la simmetria, come pure del tutto, come del particolare di abitazioni private.

Capitolo 2


1. Nulla richiede cura dell'architetto oltre le dovute proporzioni degli edifici. Quando le proporzioni sono adeguati, e le dimensioni trovato mediante calcolo, allora è la parte di un uomo abile a considerare la natura del luogo, lo scopo della costruzione, e la bellezza di esso; e sia con le diminuzioni o aggiunte a trovare espedienti, per mezzo del quale l'aspetto non può essere ferito dalle aggiunte a, o diminuzioni di delle proporzioni previste che potrebbero essere necessari.

2. Per un oggetto sotto l'occhio appare molto diversa dallo stesso oggetto posto sopra di esso; in uno spazio chiuso dell'articolo, molto diversa dalla stessa in uno spazio aperto. In tutte queste questioni richiede grande giudizio di adottare i mezzi propri, dal momento che l'occhio non sempre forma a se stessa la vera immagine di un oggetto, e la mente è spesso ingannata dalla falsa impressione. Così, in uno scenario dipinto, anche se la superficie è un piano perfetto, le colonne sembrano avanzare in avanti, le proiezioni delle mutuli sono rappresentate, e le figure sembrano distinguersi. I remi di navi, anche, se le parti immerse in acqua sono davvero dritti, hanno l'aspetto di essere rotto; solo quelle parti che appare rettilineo che sono al di sopra del livello dell'acqua. Ciò deriva dalla parte immersa nell'acqua che riflette la sua immagine in uno stato ondulato fino alla superficie dell'acqua, attraverso un mezzo trasparente, che, non essendo agitato, dà il remo un aspetto rotto.

3. Ma se la vista deriva dall'impressione che le immagini fanno sull'occhio, o da un versamento di raggi visivi dall'occhio, come naturalisti sostengono, è certo che, in un modo o nell'altro, l'occhio è spesso ingannato.

4. Poiché, poi, alcune immagini sono falsamente convogliati, e gli altri appaiono diversi da ciò che realmente sono, penso che senza ombra di dubbio, che, secondo la natura e le circostanze del luogo, diminuzioni o dovrebbe essere fornita, in modo che nessun difetto può essere evidente. Per fare questo, però, è il risultato di genio, non il risultato di apprendimento.

5. La percentuale del simmetrie è, quindi, essere colonizzato, in modo che esso le necessarie modifiche possono essere effettuate con certezza. Poi la lunghezza e la larghezza del piano del lavoro deve essere definito, e le loro parti; dopo di che, le proporzioni sono adeguati come proprietà richiede, in modo che la disposizione piacevole potrebbe non essere disturbato. Il metodo di effettuare questo sono ora per descrivere, e deve iniziare con la corte (cavaedium).

Capitolo 3


1. Ci sono cinque specie di tribunali; che ricevono i loro nomi dalle loro forme. La Toscana, Corinzio, il Tetrastylôn (con quattro colonne), il Displuviatum (aperto in alto), e il Testudinatum (coperto). I cavædia toscani sono quelli in cui le travi in ​​tutta la larghezza del recinto hanno trimmer (interpensivæ) per loro, e valli (colliquiæ) da angoli interni del muro di angoli formati dalle giunzioni delle travi e trimmer. Così la pioggia cade nel mezzo del cortile, dalle grondaie delle travi. Nel cavaedium Corinto, le travi e mezzo scoperta del tribunale (compluvio) sono come nel precedente; ma le travi intorno si staccano dalle pareti, e poggiano su colonne. Il tetrastilo sono quelli da cui colonne sono posti sotto i raggi agli angoli, che danno forza e sostegno alle travi; poiché così non sono così suscettibili di abbassamento con il loro proprio peso, né sono caricati dai trimmer.

2. Il displuviatum è quella in cui viene effettuata l'acqua fuori sopra le piastre gronda (deliquiæ), che supportano il corpo del tetto. Esse servono per appartamenti invernali, perché la compluvium essendo in posizione verticale, la luce del triclinia non sia ostruito. Ma essi sono costantemente in mancanza di riparazione; per i tubi che ricevono l'acqua dalla gronda di essere contro il muro, e non in grado di prendere, in una sola volta, l'acqua che deve essere portata via, trabocca dal controllo incontra, e ferisce il legno-lavoro e la parete in questo tipo di edifici. La corte coperta viene utilizzato quando l'arco non è grande, e grande abitazione-camere sono realizzate al piano sopra.

3. La lunghezza e la larghezza dei tribunali (atri) sono regolate in tre modi. Il primo è, quando la lunghezza è diviso in cinque parti, e tre di loro sono dati alla larghezza. Il secondo, quando è diviso in tre parti, e due sono date alla larghezza. La terza è, quando un quadrato che si descrive il cui lato è uguale alla larghezza, una linea diagonale è disegnata in esso, la cui lunghezza è pari alla lunghezza dell'atrio.

4. La loro altezza, al lato inferiore delle travi, è quello di essere un quarto inferiore alla lunghezza; il restante quarto è assegnato per la proporzione del lacunari e il tetto sopra le travi. La larghezza del alae, a destra e sinistra, quando l'atrio è lunga da trenta a quaranta piedi, è pari ad un terzo parte di esso. Da quaranta a cinquanta piedi, la lunghezza deve essere divisa in tre parti e mezzo; di questi, uno è dato alla Alae: ma quando la lunghezza è da cinquanta a sessanta piedi, una quarta parte di esso è dato alla alae. Da sessanta a ottanta piedi, la lunghezza è diviso in quattro parti e mezzo, di cui una parte è la larghezza della alae. Da ottanta piedi a cento, la lunghezza è diviso in cinque parti, e uno di loro è la vera larghezza del alae. Le travi architrave (trabes liminares) sono posti ad una altezza che renderà i larghezze e altezze uguali.

5. La Muniment camera (tablinum), se la larghezza dell'atrio essere venti piedi, è a due terzi della stessa. Se ampia da trenta a quaranta piedi, una metà è assegnato al tablinum. Da quaranta a sessanta piedi, la larghezza è diviso in cinque parti, e due data al tablinum. Le proporzioni di piccole atri non possono essere gli stessi di quelli di quelli grandi; per se usate le proporzioni della più piccola nella maggior, tablino, nonché la alae, non sarebbe conveniente: e se quelli dei maggiori essere utilizzato nella più piccola, le loro parti sarebbero grande e goffa. Ho quindi pensato bene di descrivere, con precisione, le rispettive proporzioni, in modo che possano essere sia comoda e bella.

6. L'altezza del tablino alla trave è un ottavo parte più della larghezza. I lacunari sono trasportati su un terzo della larghezza maggiore. I passaggi (fauce) verso campi che sono su scala ridotta, devono essere di un terzo inferiore alla larghezza del tablino; ma se più grande, essi devono essere metà. Le statue, con i loro ornamenti, devono essere posizionati ad una altezza pari alla larghezza della alae. Le proporzioni di altezza e larghezza delle porte, se Doric, devono essere realizzati in modo che: se ionica, secondo il modo ionico, gradevolmente le regole date per porte nel quarto libro. La larghezza della parte scoperta dell'atrio (lumen impluvii) non deve essere inferiore a una quarta e non più di un terzo della larghezza dello stesso; la sua lunghezza sarà proporzionale a quella dell'atrio.

7. Il chiostro (peristylium) è trasversalmente terzo parte più lunga in tutto. Le colonne devono essere alto come la larghezza del portico; e intercolumni dei peristylia non essere inferiore a tre e non più di quattro diametri delle colonne sono. Ma se le colonne di una peristylium sono dell'ordine Dorico, i moduli vengono prese, e le triglifi disposti così come descritto nel quarto libro.

8. La lunghezza di un triclinium deve essere doppio sua ampiezza. L'altezza di ogni camera oblunghi viene così regolata: aggiungere la lunghezza e la larghezza insieme, di cui prendere una metà, e darà la dimensione dell'altezza. Se, tuttavia, exedrae o OECI sono quadrati, la loro altezza è uguale a una volta e mezza la larghezza. Pinacothecæ (camere foto), così come esedre, dovrebbe essere di grandi dimensioni. Il tetrastilo corinzio ed egiziani oeci (sale) devono essere proporzionati in modo simile al triclini, come sopra descritto; ma in quanto vengono utilizzate colonne in esse, sono costruiti di dimensioni maggiori.

9. C'è questa differenza tra il corinzio e oecus egiziano. Il primo ha un unico ordine di colonne, e su esso architravi e cornici, sia di legno o di gesso, e un soffitto a semicerchio sopra il cornicione. In dell'oecus egiziana, sulle colonne inferiori è un architrave, da cui alla parete circostante è un piano recuperato e pavimentata, in modo da formare un passaggio rotondo in aria aperta. Poi perpendicolarmente sopra l'architrave delle colonne inferiori, colonne quarto più piccolo sono collocati. Sopra le loro architravi e cornici sono decorate con soffitti e finestre sono collocate tra le colonne superiori. Così essi hanno l'aspetto di basilicae, piuttosto che di Corinthian triclinia.

10. Oeci sono a volte costruiti in modo diverso da quelli di Italia; i Greci li chiamano kuzivkhnoi. Si affacciano a nord, con una prospettiva verso i giardini, e hanno porte in mezzo. Essi sono di tale lunghezza e larghezza che due tabelle (triclinia) con relativi accessori possono stare su di loro di fronte all'altra. Le finestre, e sulla destra a sinistra, sono aprire come porte, in modo che la vegetazione può essere visto attraverso loro mentre gli ospiti adagiano sui divani. L'altezza di loro è uguale a una volta e mezza la larghezza.

11. In questi appartamenti, convenienza deve regolare le proporzioni. Se le finestre non sono oscurati da alte mura adiacenti, possono essere facilmente artificiosa. Ma se si verifica alcun impedimento, sia attraverso la vicinanza di edifici adiacenti o altri ostacoli, alcuni ingegno e abilità saranno necessarie per diminuire o aumentare le loro proporzioni previste, in modo da produrre un piacevole effetto apparentemente non diversa da essa.

Capitolo 4


1. Vorrei ora descrivere come i diversi tipi di edifici sono posti per quanto riguarda i loro aspetti. Triclini inverno e bagni sono per affrontare l'inverno ad ovest, perché la luce del pomeriggio è ricercato in loro; e non di meno perché il sole che getta i suoi raggi su di loro, e però il suo calore riscalda l'aspetto verso le ore serali. Camere da letto e le librerie dovrebbero essere verso est, per i loro scopi richiedono la luce del mattino: nelle biblioteche i libri sono in questo aspetto preservata dal degrado; quelli che sono verso il sud e ad ovest sono feriti dal worm e dall'umidità, che i venti umidi generano e nutrono, e diffondere l'umidità, rendono i libri ammuffiti.


2. primavera e l'autunno triclini dovrebbe essere verso est, per poi, se le finestre sono chiuse fino a quando il sole ha superato il meridiano, sono fresco al momento in cui sono voluto per l'uso. Estate triclini dovrebbe essere verso il nord, perché questo aspetto, a differenza di altri, non è riscaldata durante il solstizio d'estate, ma, a causa di essere allontanato dal corso del sole, è sempre fresco, e offre la salute e ristoro. Pinacothecæ dovrebbe avere lo stesso aspetto, oltre a sale di ricamo e pittura, che i colori utilizzati in esso, dal equability della luce, possono preservare la loro splendore.

Capitolo 5


1. Gli aspetti corretti per ogni parte di essere fatte proprie, dobbiamo determinare la situazione delle sale private per il padrone di casa, e quelli che sono per uso generale, e per gli ospiti. In quelle che sono privato nessuno entra, tranne invitati; quali sono le camere da letto, triclini, bagni, e altri di natura simile. Le camere comuni, al contrario, sono quelli inseriti da uno qualsiasi, anche non richiesta. Tali sono il vestibolo, il cavaedium, il peristylia, e quelli che sono per usi simili. Quindi, per una persona di condizione di semola nella vita, magnifici vestiboli non sono necessari né tablini, né atri, perché le persone di tale descrizione sono quelli che cercano favori che sono concessi dai gradi più alti.

2. Coloro, invece, che devono mettere da negozi che sono i prodotti del paese, dovrebbe avere bancarelle e negozi nelle loro anticamera: sotto le loro case dovrebbero avere volte (Cryptae), granai (horrea), magazzini (apothecæ) , e di altri appartamenti, adatti piuttosto per preservare tali prodotti, piuttosto che esporre un aspetto magnifico. Le case di banchieri e ricevitori delle entrate possono essere più comoda ed elegante, e ben protetto dagli attacchi dei ladri. Per i sostenitori, e gli uomini di letteratura, case dovrebbe essere ancora più bello e più spaziosa, per consentire la ricezione di persone sulle consultazioni. Ma per i nobili, che nel sopportare gli onori, e l'assolvimento dei compiti della magistratura, deve avere molto il rapporto con i cittadini, vestiboli principesche devono essere forniti, atri alti e ampi peristylia, boschetti, e lunghe passeggiate, finito in un magnifico stile. Oltre a questi, biblioteche, pinacothecæ e basiliche, di forma simile a quelli che sono fatti ad uso pubblico, devono essere fornite; per nelle case dei nobili, gli affari del pubblico, e la decisione e di giudizio delle cause private sono spesso determinati.

3. Se, quindi, le case sono costruite, quindi adattato alle diverse classi della società, come indicato nel primo libro sotto la testa del decoro, non ci sarà nulla da reprehend, perché saranno adatti alla loro destinazione. Queste regole non sono meno conforme alla località che alle abitazioni cittadine, tranne che in città atri deve essere vicino alle porte, mentre, nella villa di campagna, il peristylium si trova vicino all'ingresso, poi l'atrio, con portici pavimentati rotonde che cerca verso la Palestra e passeggiata. Ho quindi descritto brevemente le proporzioni delle residenze di campagna come ho promesso. Vorrei ora passare a quelle di case nel paese, in modo che possano permettersi l'alloggio richiesto.

Capitolo 6


1. Prima di tutto la salubrità della situazione deve essere esaminata, secondo le regole date nel primo libro per la posizione di una città, e il sito può essere quindi determinata. Le loro dimensioni dovrebbe dipendere dalla misura dei terreni ad essi, ei suoi prodotti. I tribunali e le loro dimensioni sono determinati dal numero di bestiame, ei gioghi di buoi impiegati. La cucina è da collocare nella parte più calda della corte; adiacente a questo sono posti le bancarelle dei buoi, con le mangiatoie, allo stesso tempo verso il fuoco e verso est, per i buoi con la faccia a luce e il fuoco non diventare ruvida rivestite. Quindi è che agricoltori, che sono del tutto ignari della natura di aspetti, credo che i buoi dovrebbero guardare verso nessun altra regione di quella del levante.

2. La larghezza degli stalli non deve essere inferiore a dieci piedi, e non più di quindici; longitudinalmente, ogni giogo è di almeno sette piedi. I bagni dovrebbero essere attiguo alla cucina, perché saranno quindi utile anche per scopi agricoli. La sala stampa dovrebbe essere vicino alla cucina, per la comodità di esprimere l'olio dalla oliva; e vicino a quella della cantina, illuminata da nord, perché se hanno alcuna apertura attraverso la quale il calore del sole può penetrare, il vino colpiti dal calore diventa insulso. 3. La camera dell'olio deve essere illuminato dalle parti meridionali e calde del cielo, che l'olio non può essere congelato, ma essere conservato liquido per mezzo di un calore delicato. La sua dimensione deve essere proporzionato alla quantità di frutta ceduto nella tenuta, e il numero di navi, che, se di venti anfore (cullearia), sono circa quattro piedi di diametro. La stampa, se lavorato da leve posto delle viti, dovrebbe occupare un appartamento lungo almeno quaranta piedi, in modo da lasciare spazio per la rivoluzione delle leve. La sua larghezza non deve essere inferiore a sedici piedi, che darà ampio spazio a girare e accelerare il lavoro. Se due presse sono impiegati, la larghezza deve essere ventiquattro piedi.

4. Le case di ovini e caprini devono essere costruiti in modo tale che non meno di una superficie di quattro piedi e mezzo, e non più di sei piedi, attribuiti a ciascun animale. I granai sono sollevate, e devono essere verso nord o da est, in modo che il grano non può surriscaldarsi, ma essere preservata dalla frescura dell'aria; se nei confronti di altri aspetti, il punteruolo, e altri insetti nocivi per mais, viene generato. La stalla, soprattutto nella villa, dovrebbe essere nel posto più caldo, e non con un aspetto verso il fuoco, perché se i cavalli sono in stallo in prossimità di un incendio, i loro cappotti presto diventare ruvida.

5. Quindi quei banchi sono eccellenti che sono lontano dalla cucina nello spazio aperto verso est; per quando il tempo è chiaro nella stagione invernale, il bestiame portato là la mattina per alimentare, può essere poi strofinato giù. Il fienile, fieno da pranzo, pasto pranzo, e mulino, possono fare a meno dei confini della villa, che sarà in tal modo più sicuro dal fuoco. Se sono necessari ville da costruire di più la magnificenza del solito, devono essere formati secondo le proporzioni stabilite per case di città sopra descritto, ma con le necessarie precauzioni per evitare che i fini di una casa di campagna venga disturbata.

6. Si deve prestare attenzione che tutti gli edifici sono ben illuminati: in quelle del paese questo punto è facilmente realizzabile, perché la parete di un vicino non è in grado di interferire con la luce. Ma nella città l'altezza delle pareti parti o la ristrettezza della situazione possono oscurare la luce. In questo caso si dovrebbe procedere come segue. In questa direzione da cui la luce deve essere ricevuto, lascia una linea trarre dalla sommità della parete ostruente, a quella parte dove la luce deve essere introdotta, e se, guardando verso l'alto lungo quella linea, un grande spazio di open cielo si vede, la luce possono essere ottenute da quella parte, senza paura di ostruzione della stessa;

7. ma se vi è alcun impedimento da travi, architravi, o pavimenti, le luci superiori deve essere aperto, e la luce quindi introdotto. In breve, esso può essere preso come regola generale, che dove il cielo è visto, in tali aperture pezzo si lasciato per finestre, in modo che l'edificio può essere leggero. Necessario in quanto la luce può essere in triclini e altri appartamenti, non di meno è così di passaggi, salite e scalinate, in cui le persone che trasportano carichi di frequente incontrare l'altro.

Capitolo 7


1. I greci non usando atrio, e non costruire come noi, fare un passo, di non grande ampiezza, dal cancello d'ingresso, da un lato della quale la stalla è posto, e le altre camere del portiere, che adiacenti immediatamente porte interne. Lo spazio tra le due porte, è, per i Greci, chiamato qurwrei'on. Da questo si entra nel peristilio, che presenta un portico su tre lati. Su tale lato rivolto verso sud sono due antae, ad una distanza considerevole distanza, che trasportano le travi, e la cavità dietro di loro è uguale a un terzo inferiore alla loro distanza reciproca. Questa parte è chiamata prosta`V (prostas) da parte di alcuni, e da altri parasta`V (paraste).

2. Interior a questo il grande oecus è collocato, in cui la padrona di famiglia si siede con le zitelle. A destra ea sinistra dei prostas sono le camere da letto, di cui uno è chiamato il talamo, l'altro il antithalamus. Attorno ai portici sono triclini ad uso comune, le camere da letto, e di altri appartamenti per la famiglia. Questa parte dell'edificio riceve il nome di Gynæconitis.

3. Adiacente questa è una casa più grande, con una più spaziosa peristylium, in cui ci sono quattro portici uguali in altezza, però che verso sud può avere colonne più elevati. Se un peristilio ha un portico superiore rispetto al resto, si chiama un portico di Rodi. Queste case hanno magnifici vestiboli, porte eleganti, ei portici delle peristylia sono decorate con stucchi e intonaci, soffitti intarsiati e con. Nei portici a nord del cyziceni, triclini, e pinacothecæ, sono librerie situated.The sono sul lato est, il esedre a ovest, ea sud sono il quadrato OECI, di tali ampie dimensioni che ci sia spazio in essa per quattro triclini e gli addetti su di loro, così come per i giochi.

4. Queste OECI sono utilizzati solo per intrattenimenti dato agli uomini; perché non è la pratica con le donne per adagiarsi su un divano a cena. Il peristilio, e questa parte della casa, si chiama Andronitis, perché gli uomini si impiegano in essa senza interruzione dalle donne. A destra ea sinistra, inoltre, sono piccoli gruppi di appartamenti, ciascuno con la sua propria porta, triclinium, e la camera letto-, in modo che l'arrivo di ospiti che non sono tenute il peristilio, ma vengono ricevuti in camere (hospitalia) stanziati per la loro occupazione. Infatti, quando i greci erano più raffinato, e possedeva una maggiore ricchezza, hanno fornito un tavolo separato con triclini e biancheria da letto camere per i loro ospiti. Il giorno del loro arrivo sono stati invitati a cena, e poi sono stati forniti con il pollame, uova, erbe, frutta e altri prodotti del paese. Di qui i pittori hanno dato il nome di Xenia a quelle immagini che rappresentano i regali fatti agli ospiti. Maestri di famiglie, pertanto, che vivono in questi appartamenti, erano piuttosto, per così dire, a casa, essendo liberi di fare ciò che volevano in essa.

5. Tra il peristilio e le camere alloggio sono passaggi, che sono chiamati Mesaulæ, dalla loro situazione tra due aulae (sale). Da noi questi sono chiamati Andrones. Ma è notevole che questa denominazione sembra soddisfare né greco, né i termini latini. Per i Greci chiamano il OECI, in cui gli ospiti di sesso maschile sono intrattenuti, ajndrw'neV, perché le donne non li entrare. Ci sono altre differenze simili a questo, come i Xystus, protiro, telamoni, e altri di questo tipo: xusto`V, in greco significa un portico di grandi dimensioni, in cui athletæ esercizio nella stagione invernale: che, al contrario, chiamare con il nome di xysti quelle passeggiate aperte che i Greci chiamano peridrovmideV. Il vestibolo di fronte a una casa, per le porte, è chiamato protiro a quello che i Greci chiamano diavquron (diathyrum).

6. Chiediamo telamoni quelle figure poste a sostegno della mutuli o cornici, ma su ciò che conto non è stato trovato nella storia. I greci, invece, li chiamano a [tlanteV (atlanti). Atlas, secondo la storia, è rappresentato nell'atto di sostenere l'universo, perché si dice che sia stata la prima persona che ha spiegato agli uomini il corso del sole, quello della luna, il sorgere e delle stelle, e celeste mozioni, con la forza della sua mente e l'acutezza della sua comprensione. Quindi è, che, da pittori e scultori, che è, per i suoi sforzi, rappresentato come recanti il ​​mondo: e le sue figlie, la Atlantidi, che noi chiamiamo Vergiliæ, ed i Greci, PleiavdeV, sono stati premiati per essere posto tra le costellazioni .

7. Cito queste cose, per non indurre le persone a cambiare i nomi in questo periodo, ma che possono essere conosciuti per filologi. Ho spiegato la diversa disposizione degli edifici dopo la pratica degli italiani, così come quella greca, dando le proporzioni e divisione di ciascuna; e, come abbiamo già stabilito i principi di bellezza e correttezza, vedremo ora in considerazione il tema della forza, con cui un edificio può essere senza difetti, e durevole.

Capitolo 8

1. In quegli edifici che vengono sollevate dal livello del terreno, se si pongono le premesse secondo le regole date nei libri precedenti per la costruzione del muro e teatri, essi saranno molto resistente; ma se sotto-terra appartamenti (ipogei) e le volte sono da costruire, le fondazioni devono essere più spessa della parete della parte superiore dell'edificio, che, oltre a tutti i pilastri e colonne, deve stare verticalmente sopra la metà della fondazioni seguito, in modo che possano essere sulla parte solida. Infatti, se il peso della parete o colonne hanno un falso cuscinetto, non possono durare a lungo.

2. E ', inoltre, una buona pratica per posizionare i messaggi sotto le architravi, tra i pilastri e lesene; per quando architravi e le travi vengono caricati, essi abbassamento nel mezzo, e causare fratture nel lavoro di cui sopra: ma quando sono introdotte e incastrati sotto loro messaggi, le travi sono impedito di cedimenti e di essere feriti.

3. Cura anche dovrebbe essere presa per scaricare il peso della parete da archi costituiti cunei disposti concentricamente; perché questi sono girate travi o architravi, la trave, essere sollevato dal peso, non cade; e quando poi è decaduto attraverso età, può essere facilmente sostituito, senza la necessità di coste.

4. Quindi, in edifici, che sono costruiti su pilastri e archi, composto da cunei cui articolazioni sono concentrici, i piloni esterni devono essere più larga delle altre, che possono avere più potenza per resistere all'azione dei cunei che, caricati con il peso della parete superincumbent, premere verso il centro, e hanno la tendenza a spinta i pilastri. Ma se i piloni esterni di grandi dimensioni, limitando la potenza dei cunei daranno stabilità al lavoro.

5. Dopo aver pagato la dovuta attenzione a questi punti, la cura deve essere presa il prossimo, e in particolare è da osservare, che il lavoro sia portato su perpendicolarmente e senza inclinazione in ogni parte. La massima attenzione deve essere concessa alle parti inferiori della parete, che sono spesso danneggiati dalla terra giace contro di loro. Questo non è sempre dello stesso peso in estate; per la stagione invernale, assorbendo una grande quantità di acqua dalla pioggia, aumenta di peso e l'ingombro, e pause e estrude la parete.

6. Per rimediare a questo male, lo spessore della parete deve essere proporzionata al peso di terra contro di esso, e, di fronte, contrafforti (anterides) o contrafforti (erismæ) sono effettuate con la parete, ad una distanza l'uno dall'altro pari all'altezza delle fondazioni e della stessa larghezza delle fondazioni. La loro proiezione di fondo è di spessore pari a muro, e diminuendo che salgono, la loro proiezione in alto è uguale allo spessore del lavoro:

7. adiacente l'interno della parete, verso la massa di terreno, denti simili a quelli di una sega sono costruiti, ciascuno dei quali sporge dalla parete una distanza pari all'altezza delle fondazioni, ed il loro spessore è pari a che del muro di fondazione. Una misura pari all'altezza delle fondazioni è presa agli angoli esterni, e caratterizzato da punti su ciascun lato; e attraverso questi diagonale viene disegnato, in cui una parete è portato su, e dalla metà di questo altro è attaccato l'angolo della parete. I denti e la parete diagonale essendo così costruiti, si scarica il peso di terra dal muro, distribuendo la pressione su una grande superficie.

8. Così ho descritto le precauzioni da prendere, all'inizio di un edificio, per evitare i difetti. La stessa importanza non si accoppia al tetto, con le sue travi e travicelli, perché se questi in qualsiasi momento si trovano difettosi, possono essere facilmente modificati. Ho anche spiegato come quelle parti che non sono costruite solide devono essere rafforzati.

9. Non è potere dell'architetto controllare le qualità dei materiali: la stessa specie di materiali non si trovano in ogni luogo; e dipende dal datore di lavoro se la costruzione è di mattoni, di pietra grezza, o di pietra squadrata. Il merito di ogni lavoro è considerato sotto tre teste; l'eccellenza della lavorazione, e la magnificenza e la progettazione della stessa. Quando un lavoro è condotto come magnificamente possibile, il suo costo è ammirato; quando ben costruito, l'abilità del lavoratore è lodata; quando finemente, il merito appartiene all'architetto, a causa della proporzione e simmetria che entrano nel disegno.

10. Questi sarà mai evidente quando si sottomette ad ascoltare le opinioni anche degli operai, e delle persone ignoranti. Per gli altri uomini, così come gli architetti, in grado di distinguere il bene dal male; ma tra l'uomo ignorante e l'architetto c'è questa differenza, che il primo può formarsi alcun giudizio fino a quando non vede la cosa in sé; mentre l'architetto, che hanno un'idea perfetta nella sua mente, in grado di percepire la bellezza, la convenienza e la correttezza del suo disegno, prima che sia iniziata. Ho stabilito chiaramente come ho potuto le norme necessarie per la costruzione di edifici privati: nel seguente libro che tratterò del metodo di loro finitura, in modo che possano essere eleganti e durevoli.


_______________________________

Leggi gli altri libri:

Nessun commento:

Posta un commento

Ti ringrazio per ogni commento, appunto, modifica o richiesta di chiarimento. Mantenendo sempre un tono civile. Ogni commento che non rispetta tali regole, sarà eliminato, sopratutto se fatto in maniera anonima. TI ricordo che cerchiamo nuovi collaboratori o appunti, per implementare il materiale presente sul sito.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...